Come Giocare con le Luci e le Trasparenze

La carta rappresenta un materiale di “recupero” di facile reperimento e di largo consumo, è presente in modo massiccio nella nostra quotidianità e anche i bambini vi entrano in contatto frequentemente. L’utilizzo dei materiali di recupero ha poi un importante significato educativo: in una società come la nostra c’è spesso la tendenza a fare di un oggetto un unico uso e, una volta finito tale compito, esso viene buttato via. Invece possiamo insegnare ai bambini che può essere riutilizzato più volte.

La peculiarità di questo tipo di materiale è principalmente quella di consentire ai bambini di guardare al di là dell’involucro, del foglio di carta, di scoprire contorni un pò sfocati, di veder trasformati colori e luci. Il genitore organizza il gioco, le azioni e i diversi approcci messi in atto dai bambini durante l’attività.

Viene utilizzato uno spazio adatto e vengono create delle specie di tende fatte con li materiale prescelto. Altri pezzi di materiale plastico possono essere utilizzati per ricoprire, interamente o parzialmente, arredi, specchi e finestre o lasciati a disposizione dei bambini in fogli di diverse dimensioni.

Nel caso della pellicola trasparente, è possibile creare un piccolo “labirinto” di strisce di carta trasparente per giocare a infilarsi tra una striscia e l’altra, per strisciare sotto, scavalcare, per inventare strade invisibili dove far correre macchinine, rotolare palline. L’attività può essere proposta sia a piccolo che a grande gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *